Costa Smeralda, impressioni!

  • Ho avuto la possibilita’, e la fortuna aggiungerei, di visitare in solitaria Smeralda sabato scorso.
    Molti sanno che amo le navi piccole, ma devo dire che Smeralda l’ho trovata bella, molto bella nei suoi spazi. Su di un itinerario nuovo la prenderei molto volentieri.
    Certamente 5/6 ore di visita, seppur accompagnato da coloro che la conoscono molto bene ( GRM, Chef Restaurants, F&B ) , non possono permettere di conoscere una nave di tali dimensioni, ma comunque almeno coglierne gli aspetti piu’ importanti.
    La qualita’ dei materiali utilizzati, cosi’ come i marchi fornitori, e’ eccellente ma questa e’ sempre stato un punto di forza della compagnia.
    Un taglio netto con il passato “ farcusiano “, anche da quello soft di Diadema, ma i colori ci sono, molti, alcuni tenui ed eleganti, altri piu’ accesi ma mai fastidiosi. Una nave facile da girare poiche’ in ogni ponte e’ possibile percorrerla da poppa a prua senza far particolari gimcane o saliscendi, anche se di passi a bordo se ne fanno molti…ma non e’ un male tutto sommato!
    La cosa che emerge subito e’ la nutrita presenza di ristoranti e luoghi dove poter consumare un piccolo pasto ( anche se a volte viene presentato come appetizer ): quattro grandi ristoranti,La Colombina, Il Meneghino, L’Arlecchino e Il Rugantino, tutti monoponte in quanto a sedute, dove di sera vige il doppio turno, mentre per colazione e pranzo si alternano, secondo le esigenze settimanali, buffet o semibuffet ( alcuni piatti a buffet + una piccola selezione di piatti serviti al tavolo ), tutti divisi in varie aree ( che impediscono di effettuare le tradizionali serate con sfilate )
    , con colorazione differenti degli arredi da area ad area. Un family restaurant, Tutti a Tavola, con estensione su un ponte aperto a poppa, con accesso consentito solo a chi ha bambini, un buffet vero e proprio con ubicazione cambiata rispetto alle altre navi in quanto posto alcuni ponti sotto al ponte piscina e sullo stesso livello di altri ristoranti. Due ristoranti dedicati, Panorama e Bellavista, il primo esclusivamente per le suites, l’altro dedicato ai Perla Diamante ( anche se quest’ultimo probabilmente verra’ destinato ad altra funzione, tipo ristorante a pagamento, visto l’impossibilita’ di contenere tutti i Diamante a bordo, molto numerosi: credo una decisione che verra’ valutata quando la nave sara’ a regime e terminera’ l’effetto curiosita’ tra i fedelissimi della compagnia ). Seguono alcuni ristoranti tematici, Teppanyaki, Pizzeria, Ristorante Lab, lasagneria e bruschetteria ( aperta da marzo ), Salty Street Food ed alcuni bar monomarca che servono dei piccoli piatti freddi assortiti che comunque potrebbero costituire un pasto. Caratteristica di tutti, la mancanza di tovagliato, una nuova scelta a rafforzare il concetto “ green “ che Smeralda vuol rappresentare: a mio modesto parere, almeno nei ristoranti dedicati a suites e Diamante la tovaglia sarebbe un tocco di eleganza in piu’ perche’ la posateria, bella peraltro, appoggiata sul tavolo non e’ per niente accettabile. Manca un’hamburgheria, come sulle navi precedenti.
    Diciamo che l’organizzazione del servizio di ristorazione e’ ancora in fase di organizzazione ma tutto sembrerebbe funzionare bene, senza disagi di attesa per gli ospiti, complici alcune azzeccate scelte come il servizio al buffet effettuato dal personale ( tu scegli la pietanza e loro impiattano ), gli orari un po’ piu’ ampi di tutti i ristoranti, la pizzeria aperta anche a mezzogiorno, gli schermi distribuiti su tutta la nave che ti segnalano il livello di riempimento dei vari ristoranti e buffets. 
    Passando ad altri aspetti, direi una nave molto tecnologica, moltissimi schermi presenti ovunque, totem interattivi a muro, molto piu’ completi nelle funzioni, tutto contacless, apertura porta cabine inclusa, tutto interattivo con l’applicazione MyCosta scaricabile su Smartphones e tablets.
    Anche la reception e’ stata rivista: si accede prendendo un numero e si viene chiamati, quindi ci si puo’ accomodare tranquillamente sui salottini presenti, senza timore di perdere il posto, situata in posizione defilata, isolata dalla vista con una siepe artificiale, un solo ingresso con la presenza di due addette gia’ all’ingresso che risolvono, senza dover andare al banco, i problemi di minor importanza.
    Voce intrattenimento: quasi come in Neocollection in passato, molti spettacoli, differenti, in aree diverse della nave, essendoci piu’ luoghi preposti, spettacoli che vengono ripetuti ad orari ed in giorni diversi per poter consentire agli ospiti di goderne di quasi tutti. Possibile seguirli anche sui vari schermi sparsi in nave da dove i vari presentatori diranno anche cosa e dove si sta rappresentando. Aree principali sono il piccolo teatro a prua ( circa 800 posti, dopo una certa ora diventa discoteca ), il Colosseo che rappresenta il cuore pulsante della nave con i suoi tre piani dai quali si puo’ assistere ai vari spettacoli, prossimamente anche acrobatici essendo attrezzato con piattaforma e ganci al soffitto, il Beach Club che e’ la zona piscina, con copertura fissa, dedicata principalmente alle feste tematiche, Piazza di Spagna a poppa, aperta sul mare e utilizzabile soprattutto nei mesi con temperature piu’ miti.
    Una grande nave ma con un’apertura sul mare difficilmente riscontrabile su unita’ di tale grandezza: ci sono passeggiate e spazi a poppa, situati sugli ultimi ponti, che consentono di godere di un’eccezionale vista sul mare.
    Cabine: belle ma piu’ piccole di quanto presente su altre navi, ben fornite come armadi, con differenze di metrature anche tra cabine della stessa categoria. Colori tenui ed eleganti, piacevoli direi. Manca il frigobar in ogni categoria, tranne le suites. Bagno direi in linea con quanto visto in precedenza, con vetro separatore dalla camera, per poter godere della luce naturale nelle esterne e balcone, smerigliato da circa 20 cm. a 120 cm. di altezza, ma comunque dotato di tenda da chiudere per avere piu’ privacy.
    Suites un po’ sottotono quanto a layaout, dotazioni complete di tutto comunque, colori piu’ vivi, spazio simile al passato: dotate anche queste, in ottica green, solo di dispenser, piu’ nessuna furniture da appoggiare sul lavandino ma prodotti di marca e di qualita’ superiore a quella di tutte le altre cabine.
    Cabine disabili semplicemente eccellenti, credo quanto di meglio si possa avere. sono molto grandi, una carrozzina può muoversi con estrema facilità in ogni zona della camera, balcone e bagno. C’è il letto matrimoniale, eventualmente separabile a richiesta. La porta di accesso alla cabina e quella per uscire sul balcone sono ad apertura automatica elettrica, quindi nessuno sforzo. Il balcone ha una pavimentazione leggermente inclinata verso la camera per favorirne il rientro, nessuno scalino da superare per entrare ed uscire, molti cicalini acustici e visivi e letto che vibra per emergenze. Campanello esterno alla porta di ingresso con segnale interno sia acustico che luminoso. Bagno chiaramente fruibile in ogni servizio senza aiuti esterni.
    Vorrei segnalare una tipologia nuova di cabine presente: le esterne con terrazza. Non sono molte, ma spaziose, con cabina, una veranda chiusa ( ma apribile ) con due divani/lettini e balcone. Sono situate al ponte 8 e 9, ma con due sostanziali differenze: al ponte 9 i balconi non danno sulla passeggiata esterna della nave, quindi nessun problema di privacy, mentre al ponte 8 le cabine sono situate allo stesso livello della passeggiata comune esterna della nave, quindi se da un lato si puo’ godere del vedere passeggiare le persone, dall’altro si ha meno privacy e se si e’ in cabina il dover tirare le tende e’ quasi un obbligo. Comunque quanto a fruibilita’ di spazio, le terrazze le vedo come un’alternativa valida anche alle suites ed a un prezzo decisamente inferiore.
    Se dovessi scegliere un luogo che mi ha colpito di piu’, direi il co.de Museum: un viaggio nel design italiano, ma anche in una gran parte del mio passato! Mi e’ piaciuto molto e l’ho trovato molto interessante per capire una volta in piu’, se fosse necessario, in che meraviglioso paese viviamo! Spero che man mano passino gli anni, il museo venga tenuto aggiornato essendoci comunque posto a disposizione.
    Mi e’ mancata la presenza di una piccola cappella, con il suo silenzio ed intimita’!
    Vorrei segnalare la completa diversita’ di posizionamento delle varie aree rispetto ad ogni nave precedente della compagnia: la SPA, molto grande ed in posizione laterale, non piu’ a pua, caratterizzata dalla stessa gestione, ma da una divisa differente degli addetti; Gli shops, posti a ridosso delle aree di intrattenimento dei passeggeri. Differente anche la posizione dei due ristoranti dedicati Panorama, suites, Bellavista, Perla Diamante, all’estrema pua, forse un po’ azzardata in caso di mare mosso.
    In conclusione ( naturalmente dal mio punto di vista ): una nave molto interessante e bella, da provare almeno una volta, una nave che offre molte opportunita’, soprattutto sotto il profilo gastronomico, una nave che, nonostante le dimensioni, permette comunque di ritagliarsi un proprio angolo di quiete, moltissimi gli angoli piu’ o meno grandi dove potersi sedere. Una nave certamente da vivere per valutarla magari meglio di quanto possa permettere una semplice visita.
    E’ una nave nata per far revenue per la compagnia, moltissime le offerte a pagamento, ma devo aggiungere che a mio avviso i prezzi delle stesse sono molto bassi ed abbordabilissimi. 
    Le soste nei porti sono molto lunghe e quindi direi che permette di godersi ogni luogo in assoluta tranquillita’ anche in completa autonomia.
    Se un giorno ampliera’ il proprio itinerario con qualche giorno in piu’ e nuovi scali, forse il concetto classico di crociera, un po’ stiracchiato magari, e questo gigante, potrebbero ancora convivere. Io, amante di navi delle classi di Allegra, Romantica, Europa, Voyager, Atlantica, non avrei difficolta’ a navigarci con Smeralda in un nuovo ed interessante itinerario…ma nel frattempo ci andro’ comunque per capire meglio il nuovo corso delle crociere!


    •   

Autore: essepi2

Condividi questo post su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam