MSC Lirica al debutto negli Emirati

Ospiti a bordo gli agenti di viaggio Fiavet

 

di Prof per Crocieristi.it

Sole e mare, shopping esotico e duty free, hotel di lusso e grattacieli da record. Con questi ingredienti – che sembrano fatti apposta per i gusti dei crocieristi, italiani e non – anche Msc sbarca negli Emirati Arabi e in Oman. Ampliando da novembre e fino a marzo la sua offerta con una delle destinazioni di maggior successo degli ultimi anni. Per presentare la novità, la compagnia della famiglia Aponte ha ospitato a bordo della Msc Lirica la ”Convention d’autunno” degli agenti di viaggio aderenti alla Fiavet, la più rappresentativa associazione del settore. Una settimana con partenza e ritorno ad Abu Dhabi, home port scelto da Msc negli Emirati, durante la quale è stata presentata anche la consueta ricerca annuale dell’Isnart (Istituto ricerche turistiche) che per la Fiavet fotografa ”in diretta” lo stato di salute del turismo in Italia nel 2011.

 

IL DEBUTTO DI MSC LIRICA

La Lirica in porto a Muscat con il superyacht da 154 metri del sultano dell’Oman Qaboos

Sono 19 le suggestive crociere negli Emirati Arabi e in Oman che partono ogni settimana fino al 4 marzo. La crociera della Lirica salpa da Abu Dhabi per fare scalo a Muscat, Al Fujairah, Khasab e Dubai. Con due indimenticabili notti ad Abu Dhabi e Dubai per dare la possibilità ai passeggeri di godere appieno di tutte le attrazioni attraverso un ampio ventaglio di escursioni, anche by night.

E’ in particolare col governo dell’emirato di Abu Dhabi, la città capitale che è stata scelta come home port, che la compagnia ha stretto i rapporti commerciali. Un nuovo terminal crocieristico è stato realizzato nel porto di Mina Zayed. E i passeggeri giunti da Genova ai primi di novembre hanno ricevuto un caloroso benvenuto con uno spettacolo pirotecnico e balli tradizionali Yolla e Ayallah.

Alla sontuosa festa, organizzata per dare ufficialmente il benvenuto, hanno partecipato lo Sceicco Sultano Bin Tahnoon Al Nahyan, Presidente dell’Autorità per il turismo di Abu Dhabi (ADTA), Mubarak Al Muhairi, Direttore Generale ADTA, Pierfrancesco Vago, Amministratore Delegato di MSC Crociere, e il campione mondiale e ex capitano della nazionale italiana di calcio Fabio Cannavaro, in qualità di ospite d’onore.

Bin Tahnoon Al Nahyan, durante i festeggiamenti ha sottolineato che MSC Lirica sarà ricordata per avere inaugurato il nuovo terminal ad Abu Dhabi: “Ci auguriamo che MSC Lirica abbia aperto la strada a molte altre navi della compagnia” ha dichiarato. “Gli ospiti che MSC Crociere ha portato qui e i molti altri che porterà in futuro conosceranno la capitale degli Emirati Arabi per la prima volta. E speriamo non sarà l’ultima. Le nostre ricerche di mercato dimostrano che il 30% dei passeggeri delle navi da crociera ritornano successivamente per un soggiorno più lungo e noi li aspetteremo con rinnovato entusiasmo.”

Pierfrancesco Vago, amministratore delegato di MSC Crociere, ha commentato: “Sono orgoglioso di quanto abbiamo realizzato finora e sono fiducioso che questo sarà solo l’inizio di una nuova importante era per il turismo crocieristico negli Emirati Arabi. A conferma delle nostre intenzioni commerciali ad Abu Dhabi in quanto nuova destinazione turistica altamente richiesta, abbiamo in programma l’arrivo di un’altra elegante e moderna unità della nostra flotta nel 2012/2013, MSC Opera. Questa nave ha una capacità maggiore di MSC Lirica, è dotata infatti di 867 cabine, e sono state pianificate 25 crociere con 125 scali con una movimentazione di 54.000 passeggeri.”

ADTA ha stimato che la decisione di MSC Crociere di inaugurare un “home port” ad Abu Dhabi genererà circa 22 milioni di dollari a stagione con un impatto diretto sull’economia locale che interesserà in particolar modo il settore turistico: food & beverage, retail, trasporti, compagnie aeree e settore alberghiero.

 

IL CONGRESSO FIAVET: IL PUNTO SU CROCIERE E TURISMO

Il presidente della Fiavet Cinzia Renzi e il presidente onorario Giuseppe Cassarà

Pochi giorni dopo, a metà novembre, è stata la volta dei circa 300 congressisti della Fiavet, ospiti della Lirica. Durante la navigazione, ecco il dossier dell’Isnart, ricco di spunti di riflessione soprattutto su turismo e internet.

Nel primo semestre 2011 – secondo la ricerca – il 22,6% degli italiani ha prenotato la vacanza in agenzia di viaggi (contro il 26,3 del 2010), tutti gli altri si sono organizzati col fai-da-te o attraverso Cral, parrocchie e altri circuiti. Secondo i dati dell’Osservatorio nazionale di Fiavet in collaborazione con l’Isnart, il calo è dovuto soprattutto alla vendita di proposte da catalogo (5,8% rispetto al 10,8% del 2010) mentre la quota di italiani che acquistano offerte all inclusive su internet cresce (12,7% rispetto all’11,2% del 2010) e quella di chi sceglie proposte fuori catalogo rimane invariata (4%).

Per organizzare il soggiorno in Italia, il 14,6% degli italiani (18,9% nel 2010) si è rivolto alle adv e ben il 40,5% di chi voleva recarsi all’estero (43,7% l’anno scorso). Aumentano, però, gli italiani che acquistano on line, soprattutto per quanto riguarda le vacanze oltre confine. E sempre per i viaggi all’estero, si tende anche ad acquistare di più presso le adv proposte extra catalogo (7% contro il 5,9% del 2010) mentre si riduce il numero di chi acquista pacchetti per l’estero su catalogo (13,8% contro 23% del 2010). Più internet quindi, ma anche più voglia di viaggi in libertà. Pur con una percentuale ridotta, l’agente di viaggio resta un punto di riferimento importante, soprattutto per i tour all’estero. “Una ricerca che conforta – dice la presidente nazionale della Fiavet, la romana Cinzia Renzi – E’ ormai chiaro che internet non è un nemico ma un grande ausilio per l’agente di viaggio e lo dimostra il netto aumento di vendite on line”.

Per quanto riguarda il mercato delle crociere, la presidente ha espresso in conferenza stampa una riflessione critica sui comportamenti delle compagnie. Il 2011, soprattutto nei primi mesi, ha fatto segnare per la prima volta in questo settore una flessione, alla quale le compagnie hanno reagito modificando gli itinerari e con una politica aggressiva dei prezzi. I mesi successivi hanno riportato il sereno. ”Ma non può essere solo questa l’arma per attirare clienti – ha detto Cinzia Renzi – Il prezzo al ribasso rischia di compromettere la qualità dei servizi che dovrebbe essere invece la vera leva per conquistare un mercato che rimane esigente e concorrenziale”. Quanto alle agenzie di viaggio, ”si resta davvero perplessi davanti a crociere vendute anche a 390 euro…Come nei villaggi vacanza, anche sulle navi il rischio è che lo sport preferito sia confrontarsi col vicino di tavolo o di ombrellone per paragonare le tariffe pagate e scoprire che c’è una giungla di prezzi”. La soluzione? ”Non far scendere il prezzo sotto la soglia dell’advance booking in modo da tutelare comunque i clienti che hanno prenotato con mesi o anni di anticipo”.

Tornando ai problemi più generali del turismo, il presidente onorario della Fiavet, il palermitano Giuseppe Cassarà ha aggiunto: “Già 4-5 anni fa dicevamo che non dobbiamo più essere solo bigliettai ma consulenti a tempo pieno delle vacanze, dando sicurezza e certezza della qualità del servizio”. Grande attesa per i primi contatti col nuovo ministro Piero Gnudi, visto che la categoria non nasconde la delusione per l’opera dell’uscente Michela Brambilla. “Andremo a porre – ha aggiunto Cassarà – un problema di regolamentazione della concorrenza sleale che c’è attraverso il web e non solo. Occorre poi creare un coordinamento tra i vari ministeri per arrivare a una maggiore concertazione e a una più efficace promozione sul territorio”

 

L’ITINERARIO

L’itinerario di Msc Crociere tocca Abu Dhabi, Dubai e Al Fujairah negli Emirati Arabi e, in Oman, la capitale Muscat e Khasab. È quest’ultimo un paradiso poco noto ai viaggiatori, caratterizzato dalla sua costa frastagliata e dagli spettacolari fiordi punteggiati da pittoreschi villaggi di pescatori. Si possono fare meravigliose escursioni sulle tradizionali imbarcazioni a vela arabe chiamate ‘dhow’, fermandosi a nuotare nelle acque turchesi che circondano la Telegraph Island. Un’attrazione nell’attrazione: molto spesso alcuni delfini accompagnano i crocieristi affiancandosi alle imbarcazioni con spettacolari tuffi.

Le principali tappe restano comunque le metropoli di Dubai e Abu Dhabi. Quest’ultima è una città dal fascino indescrivibile, tanto da essere definita la ”Manhattan d’Arabia”. Imperdibile la visita alla sfarzosa Grande Moschea (nella foto, terza al mondo per dimensioni dopo quelle della Mecca e di Casablanca) e all’albergo extra lusso Emirates Palace. Per un cambio di ritmo, c’è anche una visita alla città-oasi di Al Ain, conosciuta come la “Città Giardino” per la sua lussureggiante vegetazione (il primo sito negli Emirati Arabi Uniti entrato a far parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO).

Infine Dubai, un luogo che è già un mito, tutto da visitare con l’edificio più alto del mondo, il grattacielo Burj Khalifa, (nella foto) inaugurato nel 2009, e l’hotel Burj Al Arab divenuto con la sua ardita forma di vela il simbolo stesso del paese. Ai piedi del grattacielo l’immenso Dubai Mall, con 1200 negozi e un gigantesco acquario, assicura una esperienza di shopping indimenticabile. L’altro grande centro commerciale, Mall of the Emirates, ospita persino una pista per lo sci indoor. Chi cerca qualcosa dell’antica Dubai potrà invece passeggiare nella zona del Creek, l’insenatura dell’antico porto, e scoprire il vociante mercato del pesce, il souk delle spezie e il fascino abbagliante del souk dell’oro.

Author: prof

Share This Post On

4 Comments

  1. Veramente Grandeee Prof!!
    Ti seguo con molto interesse! 🙂

    Post a Reply
  2. WOW questo viaggio negli Emirati è eccezionale. Ho troppa voglia, vado a vedere se becco una promozione.

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam